Asilo Nido "La Locomotiva"

Image
REGOLAMENTO NIDO D’INFANZIA COMUNALE
“LA LOCOMOTIVA”

 

APPROVATO CON DELIBERA C.C. n. 30 del 12.04.2007
MODIFICATO CON DELIBERA C.C. n.19 del 21.04.2008
 
 
 
TITOLO PRIMO
 
Organizzazione del servizio
 
Premessa
 
I servizi educativi e sociali per la prima infanzia favoriscono, in collaborazione con la famiglia, l’armonico sviluppo psichico, fisico e sociale dei bambini nei primi tre anni di vita. In particolare hanno lo scopo:
 
-       di dare una risposta ai bisogni soggettivi di ciascun bambino;
-       di prevenire e intervenire precocemente su eventuali condizioni di svantaggio psico-fisico e socio-culturale;
-       di contribuire allo sviluppo di una cultura dell’infanzia;
-       di sostenere i genitori nella cura e nella crescita dei bambini.
 
 
Articolo 1
 
“La Locomotiva” è un servizio comunale di Nido d’Infanzia per bambini in età compresa tra i 12 ed i 36 mesi.
 
 
Articolo 2
 
“La Locomotiva” accoglie fino a un massimo di 24 bambini in contemporanea, in età compresa fra i 12 ed i 36 mesi. Svolge la propria attività dalla prima settimana di settembre fino al 30 giugno. E’ prevista la chiusura nei periodi festivi come da calendario didattico.
E’ prevista la possibilità di apertura anche nei mesi di luglio ed agosto su richiesta di un congruo numero di bambini da stabilire annualmente, con le modalità e le tariffe che di anno in anno saranno individuate ed opportunamente rese note.
 
 
Articolo 3
 
“La Locomotiva” è aperto 5 giorni alla settimana, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.00 alle ore 16.00 con le seguenti opportunità e fasce orarie di frequenza:
 
-       8.00 – 12.00;
-       8.00 – 13.30 (con pranzo);
-       8.00 – 16.00 (con pranzo).
 
L’ingresso dei bambini è previsto dalle ore 8.00 alle ore 9.30.
Per ogni fascia di frequenza sono previsti i seguenti orari di ricongiungimeno con i genitori:
 
-       dalle ore 11.45 alle 12.00 per la fascia antimeridiana senza pranzo;
-       dalle ore 13.15 alle 13.30 per la fascia antimeridiana con pranzo;
-       dalle ore 15.45 alle 16.00 per la fascia pomeridiana.
 
Eventuali deroghe, su richiesta dei genitori, potranno essere concordate con il personale del servizio o disposte dal Comitato di cui all’art.9 del presente Regolamento, sentito il parere del personale educativo.
 
 
 
 
Articolo 4
 
Il rapporto fra educatori e bambini è stabilito in conformità alle normative vigenti in materia (L.R. 32 del 26.07.2002, R.R. n. 47/R del 08.08.2003).
 
 
Articolo 5
 
La gestione educativa del Nido d’Infanzia può essere diretta o affidata ad un’Impresa adeguatamente qualificata, che fornirà il personale educativo ed ausiliario. Il personale dovrà essere in possesso dei requisiti di cui al regolamento regionale n. 47/R del 08.08.2003 art.11.
All’Impresa faranno carico tutte le competenze previste dal Progetto Educativo e Didattico, sia per quanto concerne il lavoro con i bambini, gli incontri ed i contatti con le famiglie, la programmazione delle attività e la verifica, sia per ciò che è relativo alla cura degli ambienti, degli strumenti, dei materiali e a tutte le iniziative collaterali al servizio “La Locomotiva”.
 
 
Articolo 7
 
Il servizio comunale “La Locomotiva”, in conformità di quanto espresso all’art. 10 comma 4 e 5 del R.R. 47/R del 08.08.2003, si avvale della consulenza di un Coordinatore Pedagogico, incaricato dall’Amministrazione Comunale, a cui è affidato:
 
-       il coordinamento delle attività in stretta collaborazione con il personale educativo;
-       i rapporti con l’impresa di gestione;
-       i rapporti con l’Amministrazione Comunale, con le famiglie utenti del servizio, la scuola dell’infanzia, il servizio sociale e tutte le altre realtà associative presenti sul territorio che concorrono alla contestualizzazione del servizio stesso e alla sua messa in rete;
-       la supervisione e la verifica delle attività del servizio e quant’altro specificato nel disciplinare d’incarico.
 
 
Articolo 8
 
La qualità del servizio “La Locomotiva” è assicurata:
 
-       dal Progetto Educativo che è elaborato dal Comune o dall’Impresa e costantemente aggiornato dagli educatori assieme al Coordinatore Pedagogico;
-       dalla partecipazione delle famiglie alle scelte educative che viene realizzata tramite periodici incontri per la presentazione del progetto educativo, della giornata tipo, delle modalità di inserimento dei bambini, delle modalità di gestione delle routines, della programmazione delle attività didattiche e tramite incontri di verifica sulle attività svolte dal servizio;
-       dal lavoro collegiale fra il personale del servizio, il Coordinatore Pedagogico, il funzionario dell’Amministrazione Comunale, gli Amministratori Comunali;
-       dal Comitato di cui all’art.9.
 
 
 
 
 
Articolo 9
 
Il Comitato è formato:
-       dal Coordinatore Pedagogico;
-       da un rappresentante dell’Amministrazione Comunale;
-       dal Responsabile del Settore Socio-Assistenziale;
-       da un rappresentante dei genitori;
-       da un rappresentante dell’Impresa di gestione.
 
Il Comitato svolge le seguenti funzioni:
 
-       nella sua prima riunione nomina un Coordinatore,
-       esamina e discute il programma di lavoro delle attività del servizio;
-       formula pareri sugli indirizzi pedagogici;
-       propone iniziative volte a promuovere la partecipazione dei genitori al servizio;
-       propone iniziative volte a sensibilizzare la comunità locale sull’infanzia.
 
Nelle more della costituzione del Comitato, le relative funzioni saranno svolte dal Responsabile Settore Socio-Assistenziale coadiuvato dal Coordinatore Pedagogico.
 
 
 
TITOLO SECONDO
 
Modalità di frequenza
 
 
Articolo 10
 
La presenza dei bambini presso il Nido d’Infanzia, deve avere carattere di continuità.
Le assenze ingiustificate che si prolunghino per periodi superiori a 30 giorni (anche non consecutivi) possono dare luogo ad un allontanamento d’ufficio. Tuttavia sarà facoltà del Comitato valutare ogni singolo caso.
 
 
Articolo 11
 
Nel caso di rinuncia al posto assegnato presso il Nido d’Infanzia, la famiglia interessata dovrà far pervenire una comunicazione scritta all’ufficio Servizi Sociali del Comune.
In ogni caso la famiglia sarà tenuta a pagare la quota fissa mensile fino alla data della comunicazione della rinuncia. Se la comunicazione perviene entro il quindicesimo giorno del mese la retta è dovuta al 50%, se la comunicazione perviene dopo il quindicesimo giono del mese la retta è dovuta per intero.
 
 
Articolo 12
 
Ai genitori dei bambini che compiono tre anni nel mese di gennaio dell’anno educativo in corso, si dà facoltà di scegliere la permanenza del proprio figlio nel Nido d’Infanzia fino al termine di attività del servizio, oppure di chiedere il passaggio alla Scuola dell’Infanzia.
 
 
 
 
TITOLO TERZO
 
Ammissione al servizio
 
Articolo 13
 
Per essere ammessi al Nido d’Infanzia i bambini devono aver compiuto il dodicesimo mese di età alla data del 1 settembre di ogni anno solare.
Può comunque essere richiesta, al momento del bando d’iscrizione, l’ammissione dei bambini che compiono i dodici mesi successivamente alla data del 1 settembre. L’ammissione sarà valutata dal Comitato compatibilmente con i posti disponibili non assegnati e non potrà comunque avvenire prima del compimento del dodicesimo mese.
Per i bambini non residenti nel Comune di Sarteano, l’ammissione è subordinata ai posti disponibili non assegnati durante l’anno ai residenti, fermo restando i criteri di cui sopra.
 
 
Articolo 14
 
Le domande di iscrizione devono essere presentate al Comune di Sarteano con le modalità ed i tempi stabiliti nel bando d’iscrizione. Negli stessi termini dovranno essere presentate, pena la decadenza del posto assegnato, le domande di rinnovo ammissione dei bambini già frequentanti.
Ad ogni domanda di iscrizione, sulla base di quanto in essa dichiarato e secondo i criteri stabiliti dall’art. 16 del presente regolamento, sarà assegnato un punteggio complessivo ai fini della redazione della Graduatoria di Priorità.
La Graduatoria di Priorità verrà resa pubblica mediante affissione all’Albo Pretorio e presso il Servizio “La Locomotiva” ed avrà validità per l’intero anno educativo.
L’istruttoria delle domande di ammissione sarà curata dal Responsabile del Servizio e dal Coordinatore Pedagogico, sottoposta a parere del Comitato al fine di formulare la graduatoria definitiva che verrà in seguito approvata con apposito atto del Responsabile del Settore Socio-Assistenziale.
Successivamente all’approvazione della graduatoria, l’Ufficio Servizi Sociali provvederà a comunicare ai genitori l’ammissione del figlio/a al servizio con la relativa tariffa mensile spettante o l’inserimento nella lista d’attesa, tramite lettera A/R.
I genitori dei bambini ammessi al servizio, entro dieci giorni dalla data di ricevimento della comunicazione di cui sopra, dovranno restituire debitamente firmata una dichiarazione di accettazione del posto. Trascorso tale termine o in caso di risposta negativa, l’Ufficio provvederà a chiamare un altro bambino secondo l’ordine della graduatoria, fino alla totale copertura dei posti disponibili.
Nel caso in cui risultino ancora posti disponibili, tenuto conto anche di quanto previsto all’art.13, dopo aver redatto la Graduatoria di Priorità, il Responsabile del Servizio disporrà la riapertura delle domande di iscrizione.
 
 
Articolo 15
 
Gli inserimenti dei bambini al servizio, ammessi a seguito del Bando di Iscrizione, iniziano nel mese di settembre.
Durante il periodo di inserimento, è richiesta la presenza di uno dei genitori per collaborare con il personale educativo, al fine di agevolare il bambino nella conoscenza del nuovo ambiente.
La data di inizio di ogni inserimento è concordata con i genitori durante l’assemblea che il personale del Nido è tenuto ad organizzare prima dell’apertura del servizio.
Durante il periodo di inserimento la quota fissa di contribuzione da parte delle famiglie sarà così calcolata:
 
-       per ciascun inserimento effettuato entro il 15° giorno del mese sarà richiesta la quota per intero;
-       per ciascun inserimento effettuato dal 16° giorno del mese sarà richiesto il 50% della quota.
 
Per gravi e comprovati motivi di salute del bambino, l’ammissione al Nido, sentito il parere del Comitato, potrà essere prorogata per un massimo di 30 giorni; nel caso in cui venga decisa un’ulteriore proroga la famiglia è tenuta a versare la quota fissa di contribuzione mensile.
Gli inserimenti al Nido non potranno avvenire oltre il 30 aprile dell’anno educativo in corso, salvo eccezioni da stabilirsi di volta in volta con il Comitato.
 
 
TITOLO QUARTO
 
Formulazione della Graduatoria di Priorità
 
 
Articolo 16
 
La graduatoria di priorità viene formulata secondo i seguenti criteri:
 
PRIORITA’ SENZA PUNTEGGIO:
 
  1. ammissione di bambini frequentanti nell’anno educativo precedente;
  2. inserimento di bambini residenti nel Comune di Sarteano;
  3. inserimento di bambini portatori di handicap così come previsto dall’art.12 della Legge 104/1992;
  4. inserimento di bambini che necessitano l’allontanamento parziale dalla famiglia;
  5. inserimento di bambini adottati o in affidamento;
  6. inserimento di bambini che vivono in famiglie con disagio economico e/o deprivazione socio-culturale.
 
 
CRITERI CON PUNTEGGIO:
 
 
1.
Per ogni genitore che lavora a tempo pieno
 
PUNTI 10
2.
Per ogni genitore che lavora part-time
 
PUNTI 5
3.
Per ogni genitore con lavoro saltuario
 
PUNTI 5
4.
Per ogni genitore inoccupato
PUNTI 1
 
5.
Per ogni genitore studente
PUNTI 1
 
6.
Per ogni genitore portatore di handicap in situazione di gravità e/o invalidità da renderlo non autosufficiente
 
PUNTI 20
7.
Per famiglie monoparentali
 
PUNTI 20
8.
Per la presenza di familiari conviventi portatori di handicap in situazione di gravità e/o invalidità da renderli non autosufficienti
 
PUNTI 5
9.
Per la presenza di fratelli/sorelle portatori di handicap in situazione di gravità e/o invalidità da renderli non autosufficienti
 
PUNTI 10
10.
Per altro figlio fino a10 anni o per gravidanza in corso
 
PUNTI 2
11.
Per bambini presenti nella graduatoria dell’anno precedente e non inseriti per mancanza di posto 
PUNTI 2
12.
Distanza fra il luogo di abitazione e la sede di lavoro riferiti al genitore che ha la sede di lavoro più lontana:
 
 
Da 15 a 30 Km
PUNTI 1
 
Da 30 a 50 Km
PUNTI 2
 
Oltre 50 Km
PUNTI 3
 
 
A parità di punteggio, per determinare a chi assegnare la priorità, vengono prese in esame le seguenti condizioni considerate nell'ordine che segue:
 
1. l'età del bambino inferiore;
2. la presenza di fratelli e/o sorelle;
3. la mancanza di supporti parentali all’interno del nucleo anagrafico.
 
Le condizioni di Handicap e di invalidità dovranno essere certificate e comprovate dagli organi di competenza della ASL.
Le situazione di disagio economico e/o di deprivazione socio-culturale dovranno essere documentate dal Servizio Sociale territoriale.
 
 
TITOLO QUINTO

Contributo di frequenza
 
Articolo 17
Il Nido d’infanzia “La Locomotiva” è un servizio a domanda individuale, per questo l'utenza è chiamata a concorrere al costo di funzionamento. Le tariffe vengono determinate annualmente dalla Giunta Comunale che, in analogia a quanto previsto per gli altri servizi scolastici, potrà prevedere agevolazioni e/o esenzioni in base alla situazione del nucleo familiare.
La Giunta Comunale determinerà altresì apposite tariffe per la sessione estiva (luglio e agosto) e per i bambini non residenti.
 
 
Articolo 18
 
La somma che le famiglie dovranno corrispondere è suddivisa in due parti:
 
a) una quota fissa che deve essere corrisposta mensilmente anche in caso di assenza del bambino per malattia o altro;
b) una quota corrispondente all'importo del servizio mensa che sarà quantificata in base al calcolo delle presenze del bambino/a.
 
Il pagamento di quanto dovuto dovrà essere effettuato entro la seconda metà del mese successivo presso l’ufficio preposto.
 
In caso di mancato pagamento verrà inviato un avviso di sollecito alla regolarizzazione della posizione debitoria a cui dovrà essere provveduto entro il termine di 15 giorni dal ricevimento dello stesso.
Trascorso inutilmente tale termine e in caso di morosità prolungata nel tempo (maturata dopo due solleciti) si procederà alla riscossione coattiva del debito secondo le norme di legge.
A tale condizione, se non giustificata, può conseguire la perdita del diritto di frequenza.
In caso di frequenza inferiore a tre giorni mensili, per motivi di salute o per cause di carattere familiare debitamente documentate, la tariffa, dietro richiesta scritta, può essere ridotta del 50%.
In caso di frequenza inferiore a cinque giorni mensili, per motivi di salute o per cause di carattere familiare debitamente documentate, la tariffa, dietro richiesta scritta, può essere ridotta del 30%.
In caso di iscrizione e frequenza al Nido di fratelli/sorelle, saranno applicati i seguenti criteri per determinare il contributo mensile a carico delle famiglie:
 
-       per il primo fratello la quota è dovuta per intero;
-       per il 2° e successivi, si applicherà una riduzione del 20% sulla quota dovuta.
 
 
TITOLO SESTO

Tutela della salute
 

Articolo 19
Per ogni bambino, prima dell'inizio della frequenza al servizio “La Locomotiva”, dovranno essere presentate le seguenti certificazioni:
 
1) certificazione medica, rilasciata dal pediatra o dal medico curante, attestante che il bambino è esente da malattie infettive e diffusive e che può frequentare ambienti di comunità;
2) certificazione medica rilasciata dal medico pediatra della ASL attestante l'avvenuta esecuzione delle vaccinazioni obbligatorie o che la mancata o incompleta somministrazione della vaccinazioni è riconducibile alla tutela della salute del bambino. Tale certificazione potrà essere sostituita da dichiarazione sostitutiva, ai sensi del D.P.R. n. 445/2000, comprovante l'effettuazione delle vaccinazioni, accompagnata dall'indicazione della struttura del Servizio sanitario nazionale competente ad emettere la certificazione.
 
 
Articolo 20
Nel caso di assenza per malattia superiore a cinque giorni consecutivi, per la riammissione al servizio occorre presentare certificato medico rilasciato dal pediatra, attestante l'avvenuta guarigione.
Lo stesso certificato medico dovrà essere presentato nel caso in cui il bambino sia stato allontanato dal servizio in presenza di stato febbrile o altro, anche se non sono trascorsi cinque giorni di assenza al momento del rientro.
Le assenze dovute da motivi diversi dalla malattia dovranno essere comunicate in forma scritta antecedentemente o contestualmente all'inizio dell'assenza.
 
Articolo 21
Il personale del Nido non è autorizzato a somministrare ai bambini medicine, salvo che non sia differibile la somministrazione stessa che, comunque, verrà effettuata soltanto dietro prescrizione medica indicante la posologia e lo schema terapeutico, ed autorizzazione scritta di chi esercita la patria potestà.
Sia il certificato medico che l'autorizzazione della famiglia devono essere rinnovati ogni tre mesi.
 
 
TITOLO SETTIMO
Gli organi di partecipazione
 
 
Articolo 22
 
Sono organi di partecipazione:
 
  1. L'assemblea dell'Asilo Nido;
2.    Il Comitato di cui all'art. 9 del presente Regolamento.
 
 
 
Articolo 23
 
Il Comitato organizza almeno due volte all'anno l'Assemblea dei Genitori dei bambini iscritti per discutere:
 
- i temi generali propri dell'organizzazione e del funzionamento del servizio;
- il processo di realizzazione della programmazione e delle attività didattiche.
 
 L'Assemblea elegge al proprio interno il suo rappresentante per il Comitato, il quale svolge anche funzioni di coordinatore del Comitato di cui all’art.9.
 
 
 
 
Articolo 24
 
Ogni qual volta se ne presenti la necessità, il personale educativo del servizio effettua colloqui individuali con i genitori dei bambini frequentanti per favorire la conoscenza reciproca, approfondire, conoscere e scambiarsi notizie sullo sviluppo e la crescita del bambino.
 
 
TITOLO OTTAVO
 
Norme finali e transitorie
 
Articolo 25
 
Per quanto non espresso nel presente Regolamento si rimanda alle vigenti disposizioni normative in materia.
La domanda di iscrizione al Nido “La Locomotiva” comporta l'accettazione integrale del presente Regolamento da parte dei genitori o da chi esercita la patria potestà sul bambino/a.
Copia del Regolamento viene consegnata ai genitori all'atto dell'iscrizione.
 
In sede di predisposizione degli atti propedeutici all’affidamento del Servizio, il Comune considererà, nell’ambito dei fattori ponderali, oltre alla convenienza, l’operatività esperita sul territorio.